Milano tra green economy ed ecologia politica: i concetti chiave

Mercoledì 15 maggio, alle 21, saremo ospiti di LUME in occasione del terzo incontro del ciclo di approfondimento Ecologia / Reddito / Futuro.

L’emergere della crisi climatica, e l’ineluttabilità apparente del suo avanzare, ci pongono di fronte ad uno degli interrogativi fondanti del periodo storico in cui viviamo: il consumismo e i suoi meccanismi (estrattivi, produttivi ed espansivi) hanno messo in luce i limiti di sopportabilità della biosfera. Il modello di sviluppo che ci ha guidato fino ad oggi non è più praticabile e sta anzi rivelando tutte le sue contraddizioni.
Dobbiamo ripensare al modo con cui produciamo, ciò di cui abbiamo bisogno, i mezzi che usiamo per farlo, e i fini che, collettivamente, possiamo darci.
Per farlo avremo bisogno di indagare le crepe pratiche e teoriche dell’attuale modello di sviluppo, di scoprirne i difetti, di rivelarne le mistificazioni. Avremo bisogno di concetti nuovi che dispieghino un campo d’azione inedito e un immaginario radicalmente differente.

Leggi tutto “Milano tra green economy ed ecologia politica: i concetti chiave”

Smart city, gentrification, autorganizzazione.

Il prossimo 15 maggio, con appuntamento in Università degli studi di Milano dalle ore 16, saremo ospiti dell’Assemblea della Statale (in compagnia dello studentato ORSO di Napoli) per un incontro di confronto e autoformazione. Di seguito l’appello promosso delle/gli studenti dell’ateneo.

E’ in atto un’attacco alle comunità.
Da tempo, infatti, le metropoli sono obiettivo di investimenti finanziari a carattere speculativo, che sono il punto di partenza di graduali processi di gentrificazione.
Per gentrificazione si intende quel fenomeno fisico, sociale e culturale che causa una trasformazione dei quartieri popolari della città in zone abitate solo dalla classe ad alto reddito. Il processo comporta una serie di modifiche conseguenti: dalla conversione di alloggi in spazi per attività imprenditoriali, all’aumento dei prezzi di compravendita e affitto.

Leggi tutto “Smart city, gentrification, autorganizzazione.”

Autocostruzione per rilevare PM10: workshop a Macao.

Nella cornice di Connessioni caotiche (by UNIT) promuoviamo un nuovo ws climattivista a Macao. I perché e i per come nella breve presentazione.

L’autocostruzione di centraline per rilevare PM10 e PM2.5 non è un evento a termine ma un processo conviviale e comunitario di attivismo climatico. Partiamo dall’idea che il dato non sia dato ma bensì un costrutto sociale che dipende dal contesto, dagli oggetti e dagli attori che hanno partecipato alla sua costruzione.

Leggi tutto “Autocostruzione per rilevare PM10: workshop a Macao.”

Progetti, non cemento, per il Parco Cave: la festa!

Non basta. Non bastano le promesse, non bastano le dichiarazioni. Il dietrofront all’invasione del cemento e dell’asfalto nel Parco delle Cave va confermato nei fatti.

L’azione civile del quartiere ha mostrato che anche una convenzione “blindata” come quella di Calchi Taeggi, può essere migliorata se gli abitanti si fanno sentire e rivendicano insieme la gestione dei Beni Comuni. Sono queste le vere azioni di politica pubblica che, passo dopo passo, possono domare l’atteggiamento escludente dei nostri amministratori.

Leggi tutto “Progetti, non cemento, per il Parco Cave: la festa!”

Sullo Scalo Farini e San Cristoforo

Dopo aver partecipato al bando, ed esserne stato inspiegabilmente escluso, il collettivo Off Topic condivide alcune considerazioni in merito al Masterplan che ha vinto il concorso indetto da FS e Coima Sgr sugli scali Farini e San Cristoforo.

a) L’immagine che più ha girato su giornali e social è una evidente alterazione della realtà. Una conferma di quanto molti sanno ma fanno finta di non capire: i render NON sono l’immagine che anticipa una trasformazione, NON servono per “vedere prima come viene alla fine”. Al contrario sono immagine di un futuro che non sarà mai realizzato, realistico solo sul piano del marketing territoriale.
Il bando Farini ha premiato di fatto questa dimensione, sostituendo al piano di realtà il suo opposto: la finzione estetizzante. Per “rovesciare il rovesciato” abbiamo ricostruito il render restituendo ai palazzi della zona il loro grigio-dominante, e levando quelle imbarazzanti tonalità confetto/pastello che siamo sicuri mai avrebbero trovato il consenso né del mercato, né dei cittadini né degli architetti.
Qui sotto ne potete apprezzare il risultato.

Leggi tutto “Sullo Scalo Farini e San Cristoforo”