L’affaire San Siro: farsa annunciata, danno per la città

Nell’autunno del 2019, quando il Covid era ancora sconosciuto, rispetto alla vicenda del progetto per il nuovo stadio di San Siro e abbattimento dell’attuale Meazza, mettevamo due punti fermi nel dibattito pubblico allora in corso:

  1. il quesito su quale fosse l’interesse pubblico per il nuovo progetto di stadio privato e annesse volumetrie su un’area in concessione;
  2. la convinzione che gli attori in campo stessero recitando un gioco delle parti con un finale già scritto.

Erano i tempi, ricordiamo, in cui da un lato Inter e Milan presentavano il loro progetto faraonico di stadio di proprietà con annesse volumetrie commerciali e ricettive doppie rispetto agli standard previsti dal Piano di Governo del Territorio di Milano, volumetrie necessarie per ripagare l’investimento miliardario, minacciando di portare altrove squadre e stadio (Santa Giulia, ex area Falck a Sesto San Giovanni) se fosse mancato l’appoggio del Comune al loro progetto; dall’altro il Sindaco Sala che si ergeva a paladino difensore dello storico impianto di San Siro e dei rispetti dei vincoli volumetrici previsti dal P.G.T., comunque alti (0,35 mq/mq) in una città che soffoca tra cemento, asfalto e aria nociva.

Leggi tutto “L’affaire San Siro: farsa annunciata, danno per la città”

E Milano cosa fa? | Ciclo di incontri sulle crepe della metropoli

Avviamo giovedì 28 ottobre un ciclo di incontri che, partendo dalla presentazione di 4 libri usciti recentemente, si concentrino a indagare le crepe della metropoli meneghina tra passato e presente. Riteniamo che ci sia ancora bisogno di continuare a discutere rispetto alle profonde disuguaglianze e storture di quello che abbiamo chiamato “Modello Milano” e che non è una questione di colore politico della giunta ma di classe dirigente e sistema socio-economico. E lo dobbiamo fare oggi più che mai, dopo che la sbornia del trionfo di Giuseppe Sala sembra aver confermato quel conformismo culturale e di orizzonti che domina ormai il capoluogo lombardo.

Leggi tutto “E Milano cosa fa? | Ciclo di incontri sulle crepe della metropoli”

Fuori Fase – 10 – never trust a cop

Benvenut_ a una nuova puntata di Fuori Fase: dalla storia – fallimentare – delle Conferenze ONU delle Parti per il Clima – le famose COP – alle lotte ecologiste radicali in Italia, passando per le giornate di contestazione alla pre-COP26 che iniziano proprio oggi a Milano: la capitale italiana del green(washing) e delle disuguaglianze sociali, dove l’evento assume un valore propagandistico e politico particolare svolgendosi nel weekend elettorale per le Comunali che annunciano vittorioso l’attuale sindaco-manager e il suo bipartisan “Beppe Sala consensus“.

Leggi tutto “Fuori Fase – 10 – never trust a cop”

!CLIMATE CAMP MILANO! 30 sett – 03 ott

Tra il 27 settembre e il 2 ottobre si terranno a Milano alcuni appuntamenti preparatori alla COP26 di Glasgow. In 27 anni di esistenza, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici non è mai riuscita a imporre un netto cambio di rotta in termini di emissioni climalteranti e contrasto alla crisi climatica. Di fronte ai limiti della Conferenza delle Parti, abbiamo deciso di costruire uno spazio alternativo alla Youth COP e alla Pre-COP milanesi, un Climate Camp che si terrà a Milano dal 30 settembre al 3 ottobre. Per questo invitiamo tutte le realtà impegnate nella lotta politica, ecologica, transfemminista e per la giustizia sociale a farne parte e a contribuire alla costruzione della Climate March che proponiamo a Milano il 2 ottobre 2021. Per la costruzione di questa mobilitazione invitiamo tutt* all’assemblea pubblica del 12 settembre della Climate Justice Platform.

Leggi tutto “!CLIMATE CAMP MILANO! 30 sett – 03 ott”

Gio 1/07 | Presentazione “Umanità a perdere. Sindemia e resistenze”

E’ in uscita il volume collettivo “Umanità a perdere. Sindemie e resistenze” curato dall’Osservatorio Repressione di Roma e dentro cui troverete anche un contributo di Off Topic dal titolo “Crisi pandemia e capitalismo della sorveglianza”. Il libro nasce come esperimento di analisi e riflessione collettiva composta da suggestioni e idee per entrare a gamba tesa in una battaglia culturale e politica di portata epocale sul piano del controllo e della conseguente prassi di resistenza necessaria.

Leggi tutto “Gio 1/07 | Presentazione “Umanità a perdere. Sindemia e resistenze””