Scali ferroviari milanesi. La turbo-città privatizzata per élite

La pubblicazione del bando per gli scali Farini e San Cristoforo, ha avviato nei mesi scorsi la grande operazione di trasformazione degli scali ferroviari milanesi (oltre ai citati, Greco, Lambrate, Rogoredo, Porta Romana e Porta Genova). Un passaggio chiave che accelera una vicenda, iniziata molti anni fa, il cui destino sembra essere inevitabile: il più vasto intervento su Milano degli ultimi anni (1.250.000 mq di superficie complessiva interessata, pari a centottanta campi di calcio) e la privatizzazione, di fatto, di aree del demanio pubblico, vendendo i semplici diritti edificatori. Andiamo con ordine e facciamo un passo indietro.

A questo indirizzo trovate l’articolo completo, che abbiamo pubblicato su Napoli Monitor.

Qui invece il nostro ripassone (via podcast) per Radio Onda Rossa di Roma.

Assemblea pubblica: progetti, non cemento, per il ParcoDelleCave

STOP ASFALTO, CEMENTO E ILLUMINAZIONE MOLESTA.
Vogliamo 5 milioni al servizio del Parco delle Cave! [qui l’evento fb e qui il .pdf da scaricare per la stampa dei volantini]

Il progetto del Comune e Municipio 7, con gli oneri di urbanizzazione del progetto Seimilano, vuole trasformare il Parco delle Cave aggiungendo cemento (parcheggi e bar a due piani), asfalto (con nuovi viali bitumati) e illuminazione molesta e dannosa anche nel cuore dell’area verde.

Ma il Parco delle Cave è più di un parco urbano tra i molti:
1. ha una vocazione agricola e naturalistica unica nella periferia ovest della città
2. è un anello della catena che congiunge lungo un importante corridoio verde il Parco agricolo Sud con il Parco Nord
3. è l’esito (sempre migliorabile!) di 20 anni di passione, progetti, soluzioni per riconnettere quartieri troppo spesso dimenticati e di rivendicare il primato del verde per la qualità dell’aria e della vita di tutte e tutti noi.

Leggi tutto “Assemblea pubblica: progetti, non cemento, per il ParcoDelleCave”

16.03 | La memoria è nelle lotte.

LA LOTTA NON SI ARRESTA
16 marzo 2019, la Milano antifascista e anticapitalista ricorda Dax.

Oggi come ieri la memoria è nelle lotte. Quelle stesse lotte che il Decreto Sicurezza sta provando a reprimere e criminalizzare attraverso maxi-operazioni poliziesche in tutta Italia. Si susseguono infatti sgomberi di spazi sociali e di occupazioni abitative, accompagnati da numerosi arresti di compagni/e con frequente ricorso a imputazioni relative a “reati associativi”. Ne è testimonianza recente l’attacco al Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio, impegnato nella lotta per la casa nello storico quartiere popolare milanese: oltre ai ripetuti sgomberi-sequestri della Base Popolare, nove sono i compagni/e accusati di “associazione a delinquere”. Sono poi cronaca di questi giorni lo sgombero dell’Asilo occupato a Torino e i sette arresti per “associazione sovversiva” eseguiti nell’ambito di un’inchiesta che punta a colpire la lotta ai CPR (la cui apertura in via Corelli costituisce una minaccia per la città di Milano).

Leggi tutto “16.03 | La memoria è nelle lotte.”

SCALO FARINI: il c.s. che annuncia la nostra “partecipazione”

SCALO FARINI: “Off Topic” entra a sorpresa nella partita per la definizione del Masterplan

Milano, 23/11/2018

 

 

Questa volta l’abbiamo fatta grossa, spingendoci più in là di quanto ci si aspetti da un laboratorio di attivismo e critica radicale della metropoli Milano. Abbiamo scavalcato mediatori e fanatici della dottrina neoliberista, buonismi di facciata dei primi e appetiti di profitto dei secondi, per proporci al tavolo con una proposta irriverente e al tempo stesso rigorosa nei confronti dei vincoli del bando pubblico.

Milano 2030 NON è la nostra città.

Si chiama Milano 2030 la vision che accompagna il nuovo Piano di Governo del Territorio del Comune di Milano. Presentato dall’assessore all’urbanistica Pierfrancesco Maran prima dell’estate, approvato dalla Giunta nei giorni scorsi, il nuovo PGT sta entrando ora nella fase decisiva dell’iter amministrativo che dovrebbe terminare a inizio 2019.

In linea con il mood prevalente da quando Beppe Sala è Sindaco di Milano, e nel solco del PGT vigente (frutto avvelenato delle giunte Moratti e Pisapia), il nuovo strumento urbanistico conferma una tendenza nociva per quanti abitano le periferie e attraversano la città per studio e lavoro, mentre coccola gli appetiti della brandizzazione a uso turistico. In questo solco leggiamo la candidatura ad ospitare le Olimpiadi invernali del 2026 e la dipartita della città pubblica. Leggi tutto “Milano 2030 NON è la nostra città.”